Inserisci le pagine di tuo interesse nel tuo itinerario personalizzato.
    Inserisci le pagine di tuo interesse nel tuo itinerario personalizzato.
      Malatesta & Montefeltro

      Museo di Saludecio e del Santo Amato Ronconi

      Saludecio

      Appartiene alla parrocchia di Saludecio, ed è stato allestito nel 2001 in due sale contigue alla sacrestia 

      Contiene quasi trecento opere fra dipinti, arredi sacri, paramenti liturgici, oggetti devozionali, ex voto e reperti archeologici. Si tratta di opere legate alla storia, alla cultura e alla religiosità del paese e del territorio, e in buona parte alla devozione, ancora vivissima, per il Beato Amato Ronconi, protettore di Saludecio.
      Sono particolarmente degni di nota i dipinti seicenteschi di Guido Cagnacci, di Giovan Francesco Nagli detto il Centino e del Ridolfi; una serie di suppellettili liturgiche in argento, dovute ad orafi romani del Settecento; paramenti ricamati e stoffe preziose.

      Giorni feriali apertura su prenotazione.


      Parzialmente accessibile ai disabili
      visite guidate su prenotazione telefonica.


      Tre sere in estate. Aperture serali straordinarie del Museo di Saludecio e del Beato Amato.

      Come consuetudine da qualche anno, il Museo di Saludecio e del Beato Amato vuole venire incontro ai turisti che durante l'estate frequentano la riviera romagnola, proponendo delle aperture straordinarie.

      In coincidenza con le iniziative della Pro Loco di Saludecio il Museo sarà aperto le sere di sabato 20 e venerdì 26 luglio e sabato 3 agosto, dalle ore 21.00 alle ore 23.00 (con ultimo ingresso alle ore 22.30).

      Il prezioso compendio di arte e fede -dedicato a Santo Amato Ronconi da Saludecio- è costituito da circa 300 opere d'arte e beni culturali che raccontano la vita di Santo Amato e l'Arte della Valconca; é assolutamente straordinaria la quadreria seicentesca, dove spiccano le tele di Guido Cagnacci, del Centino, di Claudio Ridolfi.

      Attualmente per ricordare il 250° Anniversario dell'elezione al soglio petrino di Papa Clemente XIV -l'unico pontefice della Diocesi di Rimini- sono allestite alcune stampe antiche che ricordano la sua vita e le sue opere, tra le quali, la creazione del Museo Pio-Clementino.

       

      Accompagneranno i visitatori per tutta la prossima estate, opere esposte in forma temporanea: un frammento di un quadro ignoto con la Salita al Calvario e da sabato 18 maggio una esposizione documentaria di stampe antiche per celebrare il 250° Anniversario di pontificato di Papa Clemente XIV (nato a Santarcangelo di Romagna è l'unico Papa della Diocesi di Rimini).

      In forma di gemellaggio, sono inoltre ancora esposte nel Museo Diocesano d'Arte Sacra di Sarsina il grande disegno con la Pietà di Tito Chini; nel Museo d'Arte Sacra di Longiano il dipinto San Giuseppe con Gesù Bambino copia da Battistello Caracciolo; e l'incisione del Volto di Cristo elaborata da Mimmo Paladino nella Chiesa di San Piero in Bagno (Bagno di Romagna).

      Orari

      Apertura: annuale
      Ingresso: gratuito
      Orario estivo
      Domenica dalle 17:00 alle 19:00    

      Museo di Saludecio e del Santo Amato Ronconi
      Piazza Amato Ronconi, 1

      43.8728004; 12.6688601

      Form feedback

      Ci interessa il tuo parere!
      Ti piace questa pagina? Hai notato un errore? Compila il form con le tue osservazioni
      Ultimo aggiornamento: 15/07/2019