Itinerari e visite

Il sottobosco di Funghi e Tartufi

Mentre si viaggia lungo i sentieri delle colline riminesi, si incontrano, soprattutto in estate e in autunno tanti cercatori, con cani e anche no, in gruppo ma anche solitari. È facile intuire che quelli col cane al seguito sono i cercatori di tartufo, che qui è abbondante soprattutto nero anche se non manca il bianco pregiato - quest’ultimo in tempi di carestia è quasi paragonabile all’oro - come si evince dai costi sui banchi delle fiere preposte, come la ben nota di Sant’Agata Feltria che si tiene tutte le domeniche di ottobre, chiamata Fiera Nazionale del Tartufo Bianco pregiato.

Anche Mondaino dedica al noto tubero, e non solo ad esso, un’iniziativa autunnale dal titolo Fossa, tartufo e cerere.
Al solito è la terza domenica di novembre la giornata dedicata al prezioso Tuber Magnatum.

Anche per i cercatori di funghi queste terre sono un vero paradiso, ricco e prezioso, perché tutte le varietà sono presenti, dai comuni porcini agli ovuli, ai chiodini, alle mazze di tamburo, alle manine, anche le più rare, come quelle primaverili, basti pensare al famoso fungo prugnolo, a cui è dedicata la quasi trentennale sagra di fine maggio a Miratoio di Pennabilli.

E accanto a funghi e tartufi, questa è anche la terra che offre asparagi selvatici, stridoli, raperonzoli, borraggine, malva, rosole e mille sane erbe di campo.

Form feedback

Ci interessa il tuo parere!
Ti piace questa pagina? Hai notato un errore? Compila il form con le tue osservazioni
Ultimo aggiornamento: 16/03/2017
Inserisci le pagine di tuo interesse nel tuo itinerario personalizzato.