Inserisci le pagine di tuo interesse nel tuo itinerario personalizzato.
    Inserisci le pagine di tuo interesse nel tuo itinerario personalizzato.

      Il miracolo al Tempietto di Sant'Antonio

      Rimini

      Correva l'anno 1223 quando avvenne "Il miracolo della mula", un evento legato alla presenza di San'Antonio da Padova a Rimini in piazza Tre Martiri.

      La leggenda racconta che Sant'Antonio e un contadino riminese, eretico, di nome Bonvillo, discutevano animatamente da parecchi giorni quando il contadino lanciò una sfida: “Lascerò la mia mula a diguno per tre giorni e poi ci incontreremo. Io le offrirò del fieno e tu l’ostia. Se la mula sceglierà quest’ultima, io crederò a quello che dici”.

      Dopo tre giorni, mentre Antonio diceva Messa, il contadino arrivò con la mula affamata. Il Santo prese l’ostia in mano e la alzò al cielo. La mula ignorò il fieno e si inginocchiò di fronte all’ostia, tra lo stupore e la commozione dei presenti facendo gridare al miracolo e redimere il riminese non credente. 

      Oggi qui esiste una cappella chiamata "Tempietto", davanti al santuario di San Francesco da Paola. Edificato agli inizi del Cinquecento e dedicato a Sant'Antonio da Padova in ricordo del miracolo, poi ricostruito nel XVII secolo dopo il terremoto del 1672, ha mutato l’aspetto originale per i vari restauri. E' a forma ottagonale, contornato da colonne e rivestito di marmi.

         

      Recapiti

      piazza Tre Martiri
      Il miracolo al Tempietto di Sant'Antonio
      piazza Tre Martiri

      44.05908677052215; 12.568895873680122

      Form feedback

      Ci interessa il tuo parere!
      Ti piace questa pagina? Hai notato un errore? Compila il form con le tue osservazioni
      Ultimo aggiornamento: 25/03/2022